Comune di Collevecchio
 

Canali d'accesso. Menu Canali d'accesso terminato.

Ottobre 2017

L M M G V S D
      
7 8 
10 11 12 13 14 15 
16 17 18 19 20 21 22 
23 24 25 26 27 28 29 
30 31      
« Indietro  |  Avanti »
Campi


Sei in: Home » Il Turista e il Territorio » Il ratto delle Sabine
Sei in: Home » Il Turista e il Territorio » Il ratto delle Sabine

Il Turista e il Territorio

 

Il ratto delle Sabine

Appena fondata Roma, Romolo si rivolse alle popolazioni vicine per stringere alleanze e ottenere delle donne per dare prole alla nuova città, al fine di espanderla e fortificarla. Al rifiuto dei vicini rispose con l’astuzia, organizzando una grande festa al quale accorsero in molti, attratti dall’evento e spinti dalla curiosità di vedere la nuova città.

Nel pieno dei festeggiamenti, a un segnale convenuto, i Romani, armati, rapirono le giovani Sabine mettendo in fuga i loro uomini.
Questi, tornati nelle loro terre e armatisi, marciarono verso Roma guidati da Tito Tazio – re della tribù sabina dei Curiti (di Cures)- con l’intento di riprendersi le donne e vendicare l’affronto subito. Tarpea, una giovane fanciulla romana, aprì loro le porte della Città, ma pagò immediatamente il suo gesto con una morte atroce: morì schiacciata dagli scudi dei Sabini (in seguito prese il suo nome la rupe Tarpea, dalla quale divenne  consuetudine gettare i condannati a morte). Grazie al tradimento di Tarpa, i Sabini riuscirono a penetrare  nella città fortificata.

Alla vista della sanguinosa battaglia, le donne sabine - affezionate ormai ai loro sposi romani quanto ai loro padri-  intervennero per ottenere un armistizio. Grazie alla loro intercessione la vicenda si concluse pacificamente: Romolo e Tito Tazio regnarono insieme sulla città (la diarchia) e i Sabini si fusero con i Romani in un unico popolo. Tito Tazio e i Sabini al suo seguito si insediarono sul Quirinale, che prende il nome proprio dalla sua città di origine (Cures). Questa vicenda è fondamentale nella tradizione storiografica, sia per spiegare la natura composita latino-sabina del popolo romano, sia per trovare un precedente mitico della gestione collegiale del potere, tipica dei consoli d’età repubblicana.

Galleria fotografica

 

NB: Cliccate sull'immagine desiderata per visualizzarla nelle dimensioni reali.

Link


Fine dei contenuti della pagina

Sito ufficiale del Comune di Collevecchio

Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.

Via A. Segoni, 24 - 02042 Collevecchio (RI)
Tel. 0765-578018 - Fax 0765-579001
C.F.: 00109440578

Realizzazione ImpresaInsieme S.r.l. Proxime S.r.l.